Gallerie >

Pasta di sale
Bigiotteria

Pasta sintetica

Sassi dipinti
Patchwork
Perline
Resina filante
Pasta di semola
Fiori di nylon
Window color
Decoupage
Sapone di glicerina
Le Fate


Lezioni rapide >

Intarsio su legno
Fiori di nylon


Mercatini
in Emilia Romana
 





 

it's Hobby!

 

 

ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale

 


Introduzione

 

Eccomi a darvi qualche informazione e suggerimento per potervi cimentare nella creazione a vostra volta di qualche simpatico gadget. Naturalmente il mio non vuole essere un manuale (di quelli ne potrete trovare in abbondanza in edicola, molto più esaurienti e professionali), ma solo un piccolo promemoria. Tutte osservazioni che mi sono ritrovata a fare per esperienza personale nel creare i miei piccoli oggettini.


Ingredienti pasta di sale

Non è molto difficile preparare la pasta di sale. Innanzitutto gli ingredienti: acqua, farina, sale. Più il tipo di sale che usate è fino più la pasta risulterà liscia al tatto (si può macinare nel frullatore per renderlo a velo). Per quello che riguarda la farina non ho mai riscontrato sensibili differenze tra un tipo o l'altro. Potrete usare tranquillamente farina di tipo 0, 00, integrale, di grano duro o tenero. Le dosi possono variare ma io consiglio di unire la stessa quantità di farina e di sale (es. 1 kg di farina e 1 Kg. di sale). Mettendo infatti meno sale otterrete si una maggiore leggerezza, ma anche una maggiore fragilità. Di acqua ne servirà quel tanto da avere un impasto non troppo duro o troppo tenero da poter lavorare.


Essicatura

Dipende naturalmente dalla grandezza dell'oggetto. In forno non ho mai superato i 50/60 gradi per evitare che bruciasse fuori e rimanesse cruda all'interno. La cottura andrà controllata a vista come si può fare per un arrosto normale. Si può anche lasciare seccare a temperatura ambiente ma si corre il rischio (specialmente se l'oggetto è un po' grosso) che si afflosci prima che sia pronto. Esistono diverse soluzioni a questo inconveniente come, per esempio, ricorrere a un'anima in legno (fatta con stuzzicadenti) o in metallo. Un'altro trucchetto consiste nel creare un'oggetto prima in carta stagnola e quindi ricoprirlo con la pasta.


Come si colora

Consiglio i colori a tempera (oppure colori acrilici). Ho provato anche con quelli a olio ma il risultato non è stato soddisfacente. Devo dire però che in quel caso avevo usato colori piuttosto vecchi, quindi chi volesse provare potrebbe anche ottenere dei buoni risultati. Un ottimo risultato lo si può ottenere anche usando ingredienti naturali: cacao, caffè macinato, orzo, the, zafferano, vaniglia, peperoncino ecc. Potete usare due metodi per la colorazione: aggiungere i colori all'impasto prima della modellazione e della cottura o, naturalmente, colorarli a mano una volta pronto. Dalla mia esperienza i risultati migliori si ottengono mischiando i colori all'impasto. Riuscirete ad ottenere delle belle sfumature senza per questo essere dei pittori professionisti.


Suggerimenti

La pasta di sale ha molti pregi ma anche molti difetti. Per prima cosa soffre molto l'umidità, quindi il mio primo consiglio è quello di verniciare la vostra opera con del Flatting (apposita vernice trasparente protettiva) dopo averla ultimata. Evitate di conservarla sopra i termosifoni. Se da un lato l'asciugatura sarà più efficace e veloce dall'altro potreste ritrovarvi con il vostro capolavoro crepato o imbarcato. Se potete appoggiatelo a un muro (per esempio su una mensola) perché questo assorbirà molta umidità dalla pasta. Aggiungendo all'acqua dell'impasto colla per tappezzeria o glicerina, si ottiene un impasto più elastico e di maggior consistenza. Per ottenere ottimi risultati e bene ricordarsi che la pasta va lavorata a lungo. Se per amalgamare volete usare una classica impastatrice potete farlo, ma attenzione, la grande quantità di sale presente a lungo andare arrugginirà tutte le sue parti metalliche.


Varie

Se si vogliono creare oggetti da poter appendere è consigliabile inserire l'oggetto necessario per l'operazione (gancio, filo metallico ricoperto) già durante la lavorazione. Infatti nella fase della seccatura si attaccherà più saldamente. La soluzione di creare manualmente un foro (esteticamente più appagante) potrebbe rivelarsi troppo fragile. Per unire tra loro le varie parti di un modello, non è necessario usare la colla. Basterà bagnare con un pennello le parti di pasta di sale da unire. Ricordandovi che un soggetto grande potrebbe afflosciarsi prima che si sia seccato completamente, potrebbe risultare utile creare appositamente una "impalcatura" (per esempio in metallo) a cui appoggiare le varie parti. Si possono ottenere "effetti speciali" premendo sulla pasta ancora morbida la tela di juta, pezzetti di pizzo, un pettine, ecc. Per dare forma agli oggetti si possono usare naturalmente le cose più disparate: stampi in metallo, cartone, legno, avendo cura di proteggerli con della pellicola trasparente (naturalmente se non andranno in forno), o in alternativa con la pellicola d'alluminio. Dopo la verniciatura a lavoro ultimato, si potranno decorare gli oggetti con pizzi, nastri, stoffe, bottoni, perline, fiori secchi. Usando spezie otterrete tra l'altro anche dei delicati profumatori per ambienti.


Strumenti

Le vostre mani sono lo strumento più importante. Difficilmente però riuscirete a fare a meno di mattarello, pennelli, spremiaglio (si anche questo), tagliapasta. Starà alla vostra fantasia usare altri mille strumenti di riciclo.

By Claudia

 

 

   
     
Since 1999 | © Creativity - Claudia Home Page | Webmaster - Alliance Technique